Se nel precedente articolo abbiamo parlato dell’origine della moderna teoria dell’informatica e dei primi studi sull’intelligenza artificiale, qualcosa che in seguito avrebbe segnato la strada per l’arcade e i videogiochi, lungo le prossime linee conosceremo l’emergere di le cosiddette console primitive e alcuni dei primi giochi.

Negli anni ’50, con la televisione completamente impiantata in case americane dove circa il 90% aveva almeno un televisore, c’era qualcuno che cominciava a considerare la possibilità di utilizzare quei dispositivi di successo per altri usi piuttosto che semplicemente ricevere programmi. Alcuni dei primi a farlo furono la Dumont Company nel 1947. In quell’anno esplorarono l’idea di permettere agli spettatori di giocare con i loro televisori. Due dei suoi dipendenti, Thomas Goldsmith ed Estle Mann, erano incaricati di brevettare un tubo a raggi catodici che consentiva agli spettatori di sparare missili contro un bersaglio, sebbene non fosse mai stato commercializzato.

Qualche anno dopo Ralph Baer, ingegnere e inventore tedesco noto come padre dei videogiochi, considerava di andare oltre la semplice ricezione di immagini attraverso i televisori. Un’idea che non si è sviluppata immediatamente da quando non è stato fino al 1972 quando ha introdotto la prima console di videogiochi della storia, la Magnavox Odyssey.

Ma come dicevamo che era negli anni ’70, un decennio prima stavano ancora muovendo i loro passi verso un concetto di videogioco che doveva ancora essere definito, la cosa più vicina a un videogioco che era stato visto in quel momento era il Nimrod di John Makepeace Bennett. E ‘stato il primo computer costruito per eseguire un videogioco. Tuttavia, fu l’americano William Higinbotham che, usando un programma per calcolare traiettorie e un oscilloscopio, creò il primo videogioco che permise il gioco tra due persone, il Tennis per due. Era un simulatore di ping-pong.

Più tardi, Steve Russell, uno studente del Massachusetts Institute of Technology, creò il mitico Spacewar, attraverso l’uso della grafica vettoriale. In questo gioco, due giocatori hanno controllato la direzione e la velocità di due veicoli spaziali che si sono combattuti l’un l’altro. Inoltre, è stato il primo a cogliere un certo successo soprattutto all’interno dell’ambiente universitario.